logo gnubik

Android M release in arrivo al Google I/O 2015

Il successore di Android 5.0 Lollipop si prepara ad essere presentato alla convention Google I/O 2015 di San Francisco, che prenderà luogo online e offline dal 28 al 29 Maggio: ecco cosa aspettarsi

La tanto attesa successiva versione di Android 5.0 Lollipop, che sta lentamente ma inesorabilmente completando il suo round di aggiornamenti sulla maggior parte dei dispositivi top di gamma dei principali producer, sembra aver trovato un successore in Android M, che verrà presentato per la prima volta al prossimo Google I/O 2015, in cui verranno mostrate le peculiarità del nuovo sistema operativo mobile open source.

Sono diversi i dettagli, per il momento ancora segretamente celati, che dovranno essere svelati in merito ad Android M: innanzitutto, gli update in merito a Security e gestione del consumo energetico dei dispositivi in cui sarà installato, che già dalla precedente release hanno subito miglioramenti sostanziali grazie all'integrazione del runtime system ART, andando a sostituire il precedente Dalvik, con qualche inefficienza di troppo. 

Si vedranno quindi su Android M i primi segni che porteranno inesorabilmente ad un miglioramento di interfaccia (avvenuto parzialmente con il Material Design), in vista di una futura capacità di affrontare videogame next gen e 3D in maniera più performante? Sappiamo già che Big G ha tra le sue conoscenze chipmaker d'eccezione come Nvidia, Arm, Imagination Technologies e Qualcomm; pertanto è lecito attendersi, oltre al miglioramento della gestione Notifiche e social network, anche un passo ulteriore che potrebbe portare Android M ad essere il primo vero OS studiato per i videogame.

Momentaneamente, Google si mantiene cauta, e probabilmente rivelerà le prime indiscrezioni effettive sullo status di Android M non prima dell'evento. La release potrebbe ricevere il nome di "Muffin", in ossequio alla tradizione che vede gli OS mobile Google affidarsi a nomi di dolci popolari per descriversi al grande pubblico: attendiamo quindi con fiducia le novità "made in Google" relative al celebre sistema operativo.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili