logo gnubik

Acer Liquid Zest Plus: smartphone Android con chipset MediaTek è in Italia

Acer torna alla carica con nuovi device dell'apprezzata serie Liquid, che dopo essere stata rimpolpata dal lancio di Liquid Jade Z, un asso nella multimedialità e nella connessione Internet grazie alla presenza di LTE 4G, si arricchisce con una serie device Android mostrati al Computex 2016, e dotati di circa 3 giorni di continua autonomia con Quick Charge: parliamo dei sorprendenti Acer Liquid Zest Plus, smartphone Android che pur appartenendo alla fascia media dimostrano sorprendenti qualità hardware, assieme ad un aggiornamento a Marshmallow efficace e puntuale.

I nuovi Acer Liquid Zest Plus sono costruiti ancora fisicamente tramite i classici polimeri plastici con cui fino a qualche anno fa la maggioranza dei device di fascia media veniva assemblata, permettendo l'installazione di una batteria capiente in grado di fungere anche da powerbank e di uno schermo ampio a 5,5 pollici HD a risoluzione 1280 per 720 pixel. Al centro della funzionalità di Zest Plus  toviamo un chipset MediaTek MT6735, 2 GB RAM e 16 di storage espandibile.

Nonostante l'appartenenza ad un segmento mid-end, il nuovo device Acer si distingue per l'integrazione di meccaniche fotografiche complesse da trovare su dispositivi low-cost, ovvero una fotocamera da 13 megapixel con messa a fuoco automatica, rilevamento di contrasto e di fase, in grado di calibrare la perfetta distanza del soggetto dall'obiettivo per ottenere un'illuminazione dignitosa. Anche la fotocamera frontale riserva sorprese: i suoi 5 megapixel custodiscono un grandangolo e un feature di Face Detection, utile per sbloccare il device proteggendo i dati più preziosi con facilità.

Concludono inoltre la carrellata di funzioni d'interesse per Acer Liquid Zest Plus, in arrivo in Italia entro Luglio, il supporto audio al DTS HD, sistema studiato per fornire sonoro tridimensionale e bassi di grande ampiezza e portata, inusuali per uno smartphone di fascia media: la batteria a 5000 mAh, infine, non ci deluderà essendo ricaricabile della metà in poco meno di un'ora, ottenendo una durata ben superiore a quella fornita dalla maggioranza degli smartphone Android usciti fino ad oggi.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili