logo gnubik

Secondo Google sono i tessuti i dispositivi indossabili nel futuro

Al Google I/O andato in scena alcuni giorni fa Ivan Poupyrev, technical program lead della grande G, ha ricevuto un grandissimo applauso quando ha parlato di Project Jacquard, un progetto che si inserisce a pieno titolo in quella visione di Google per creare vestiti smart (giacche, magliette, pantaloni, calze) in grado di controllare lo smartphone e il tablet, tenere traccia della salute e dell’attività fisica e persino di gestire l’illuminazione della casa.

Dunque secondo Google i dispositivi indossabili del futuro sono i vestiti intelligenti che potrebbero cambiare profondamente il mondo in cui comunichiamo e ci connettiamo con i nostri dispositivi e con l’ambiente esterno.
La divisione Advanced Technology And Projects di Mountain View ha annunciato una collaborazione con la Levi’s per creare “tessuti interattivi”, in sostanza si tratta di inserire la tecnologia indossabile direttamente nel tessuto dei vestiti.
Il materiale conduttivo può essere perfettamente integrato all'interno dei tessuti, amalgamato e confuso così che non sia possibile vederlo, con un chip di controllo miniaturizzato da Intel fino alle dimensioni di un bottone.

Le informazioni possono essere inviate a smartphone o altri dispostivi, permettendo azioni come telefonate o l’invio di messaggi. "Nel nostro mondo iper-digitale, le persone si sforzano costantemente di essere fisicamente presenti nel loro ambiente pur mantenendo il loro collegamento digitale", ha commentato Paul Dillinger, responsabile innovazione di Levi Strauss. "Il lavoro che stiamo avviando con Project Jacquard offre un valore completamente nuovo ai consumatori".

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili