logo gnubik

CERN, il Large Hadron Collider sviluppa energia da 13 Teraelettronvolt: una svolta epocale

23 maggio 2015

La Fisica delle particelle si arricchisce di un nuovo capitolo: il Large Hadron Collider sviluppa collisioni da 13 TeV in attesa di un ulteriore miglioramento del super-collisore alla ricerca di Materia Oscura

Ritornato in funzione il passato Marzo in occasione dell'Anno Internazionale della Luce, il LHC torna prodigiosamente a stupire ed ampliare i confini della Fisica raggiungendo un nuovo record: l'acceleratore di particelle più noto al mondo è riuscito a sviluppare un'energia di collisione da 13 Teraelettronvolt, in attesa del completamento finale dell'LHC, che lo porterà a raggiungere collisioni di portata da ben 14 TeV. Dopo due anni di shutdown del sistema, infatti, durante i queli i magneti del sistema erano stati oggetto di rinnovamento assieme ai rilevatori, il Large Hadron Collider è riuscito a superare ed abbattere il suo precedente record (8 Teraelettronvolt), che portò alla declamazione della scoperta del celebre Bosone di Higgs nel 2012

Il mondo della Fisica, da sempre alla ricerca di constatazioni sulla Materia Oscura, si arricchisce quindi di un nuovo esperimento che porterà all'arricchimento del modello Standard particellare, da tempo alla ricerca di un Bosone Higgs non-Standard, finora solamente teorizzato. Il LHC riuscirà poi, con fasci di energie più elevate, a rilevare effettivamente sia Materia che Energia oscura, che come sappiamo costituiscono oltre il novantacinque per cento dell'Universo, di cui finora si hanno in massima parte supposizioni.

Le frontiere della Fisica vanno quindi ampliandosi abbracciando anche i progressi scientifici in campo computativo: come sappiamo, i collisori di particelle sono costantemente alla ricerca di memorie e capacità elaborative sempre più avidamente, data l'immensa mole di dati generati dalle rilevazioni. Il prossimo task del LHC sarà quindi "armarsi" di capacità sufficienti a superarsi nuovamente, permettendo una maggiore comprensione delle sottili trame energetiche che tessono l'Universo da sempre.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili