logo gnubik

Telegram e WhatsApp, scontro tra i due titani delle app di messaggistica

6 dicembre 2015

Che Telegram e WhatsApp fossero due tra le app di messaggistica istantanea più popolari di sempre, è ormai fatto assodato: diventata popolare dopo diversi blackout che hanno imposto a molti utenti del Web, soprattutto mobile, di scoprire delle soluzioni alternative e valide a WhatsApp, è stata in particolar modo Telegram a portare una vera alternativa al colosso gestito da Facebook e perciò Mark Zuckerberg.

La vera e propria ostilità nata tra le due applicazioni, entrambe ai vertici di qualità e gradimento, si è comunque affermata negli ultimi tempi, in particolare quando WhatsApp ha deciso, nell'ultima release ufficiale, di non dare più spazio alla possibilità di aprire i link che portano a Telegram. Questo trattamento "sfavorevole" nei riguardi dell'app di Pavel e Nikolai Durov, i due fortunati creatori del social russo VK, sarebbe poi stato confermato da un'attenta analisi dei listati del codice dell'app, che porterebbero a questa conclusione.

Le disavventure per l'ottima Telegram non finiscono comunque qui: Facebook avrebbe, secondo alcune voci, rimosso la pagina ufficiale dell'instant messenger russo senza fornire spiegazione alcuna. In parecchi si astengono dal commentare la vicenda, ma per i sostenitori dell'applicazione si crede sia in atto un gesto di boicottaggio proprio in un momento in cui questo software, capace di garantire livelli di privacy e immediatezza notevoli nello scambio di messaggi gratuiti, vede crescere il proprio bacino di utenza, arrivando fino a 60 milioni di user attivi al mese.

Non dobbiamo quindi fare altro che seguire attentamente l'evolversi della vicenda, per scoprire se Whatsapp e Facebook ripristineranno buoni rapporti con l'app rivale: gli sviluppi sono previsti entro breve.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili