logo gnubik

Microsoft, più sforzi per combattere il malware dal 2016

22 dicembre 2015

La software house più conosciuta al mondo, Microsoft, mette in campo nuovi strumenti a tutela degli utenti del Web contro le frodi informatiche costituite dalle pubblicità malevole, note come adware, con cui ognuno di noi si sarà rapportato almeno una volta durante la navigazione online.

Il 2015 ha infatti visto una vera e propria impennata di casi relativi ad utenti con browser infettati da motori di ricerca alternativi rispetto a quelli predefiniti (Bing, Google), e dagli scopi poco chiari, spesso legati ad estorcere all'utente le credenziali d'accesso o dati e profili riservati.

Microsoft ha perciò scelto di dire la sua pianificando per Marzo 2016 una vera e propria azione di rivalsa contro i malware pubblicitari, con una nuova policy in grado di aumentare la sicurezza degli utenti. In particolare sarà posta molta enfasi sulla discriminazione tra banner pubblicitari del tutto legittimi oppure strumenti di frode a danno degli utenti, rilevando eventuali attacchi condotti da questi ultimi.

I nuovi prodotti anti-malware di Microsoft saranno in grado, perciò, di rilevare l'installazione di componenti aggiuntivi non desiderati direttamente dal browser, e di impedirne l'avvio subito dopo averne mostrato relativa notifica all'utente: stop, quindi, all'auto-installazione di elementi capaci di modificare senza il consenso dell'utente l'ambiente operativo.

Microsoft ha inoltre specificato che sarà un impegno richiesto anche per i developer il rispetto di queste linee guida, in caso contrario verranno utilizzate funzioni apposite per bloccare sul nascere contenuti ostili alla navigazione sicura: aspettiamo quindi Marzo del prossimo anno per vedere varata in tutto e per tutto la nuova policy che di certo avrà impatto importante anche sulla nostra navigazione quotidiana.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili