logo gnubik

iPhone 6S: inizia la produzione dei nuovi chip A9

17 luglio 2015

Il sempreverde iPhone si prepara a rinnovarsi grazie alla presenza di due leader nel mondo del chipmaking: Samsung e TSMC, che con un innovativo processo a 16 nanometri permetteranno a iPhone 6S di apparire al pubblico entro il prossimo autunno.

Dopo essere stato per lungo tempo in bilico tra le proposte di Samsung e quelle di altri chipmaker, Apple ha finalmente optato per la realizzazione del nuovo chipset A9, il nucleo centrale del prossimo iPhone 6S, ered di iPhone 6 Plus.

I produttori sarebbero stati identificati in TSMC, major produttrice di semiconduttori asiatica e la sempre presente Samsung, in forza delle sue tecnologie che consentiranno di condensare su spazi minimi una potenza di calcolo inedita, in parte già vista su Exynos.

Gli standard fortemente voluti da Apple sembra siano stati così soddisfatti al massimo, essendo il nuovo chip già entrato nella fase di produzione di massa. Secondo alcune fonti autorevoli, tra cui quelle della rivista online DigiTimes, che tesse le fila di quanto sta accadendo in Oriente in merito alla produzione di chip, vi sarebbe inoltre stato un cambiamento avvenuto qualche momento prima della serializzazione della produzione, uno shift di alcuni componenti a livello processore che comunque non interferirà con la release definitiva degli smartphone Apple che l'installeranno a partire da Settembre, data ufficialmente ritenuta un vero e proprio appuntamento per sentir parlare delle nuove uscite della casa di Cupertino.

TSMC si metterà all'opera seguendo il suo processo di produzione a 16 nanometri, fornendo inoltre i sensori per riconoscimento biometrico e chipset per l'audio integrato. Tra le azioni intraprese da Samsung, invece, la distribuzione degli ordini dei nuovi microprocessori, per far sì che i nuovi iPhone non ne rimangano sguarniti.

Tra le novità in arrivo a livello hardware per la prossima generazione di melafonini troviamo poi l'applicazione di un pannello touch dal nuovo design, più efficiente (Force Touch), scelta già sperimentata con MacBook e certamente destinata ad essere ripetuta in futuro, nel caso in cui il feedback fosse convincente. iPhone 6S è quindi sempre più vicino, e possiamo confermare che gran parte delle operazioni che ne porteranno la nascita è già avviata, perciò non dovremo far altro che attendere l'autunno per nuove rivelazioni in merito.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili