logo gnubik

Twitter, in arrivo sul social network i video da 140 secondi

23 giugno 2016

Rivoluzione in casa Twitter: dopo l'annuncio di un nuovo sistema di gestione dei tweet, che consisterebbe nell'escludere dal conteggio dei famigerati 140 caratteri gli URL allegati relativi a foto e video, così come gli username degli altri utenti menzionati, per rendere la comunicazione più creativa e meno stringata, sono in arrivo sul social network creato da Jack Dorsey i video da 140 secondi.

La novità fa seguito ad una serie di scelte in merito alla gestione del design e del comparto multimediale che Twitter sta sperimentando come non mai negli ultimi mesi, nel tentativo di rendere l'offerta più accattivante e tamponare la continua perdita di iscritti, in confronto ai rosei tempi passati, cercando di superare il rivale di sempre, Facebook. A ciò si aggiunge ovviamente la crescente importanza dei video, soprattutto panoramici o di pochi secondi (tra cui i celebri Vine).

I contenuti video sono tra l'altro incrementati di circa il 50% rispetto ad inizio anno, e per tutelare questa particolare esigenza espressiva Twitter ha ben pensato di estendere la naturale durata di 30 secondi concessa ad ogni video a ben 140, creando quindi un'implicita associazione con i "140 caratteri". L'upgrade in corso riguarderà ovviamente i regular user, in quanto tutti gli editor selezionati dalla piattaforma potranno continuare a pubblicare video estesi fino ad un totale di 10 minuti di playback, per consentire migliore diffusione dei messaggi pubblicitari tramite il social.

Il nuovo feature verrà inizialmente esteso alle app Android e iOS Twitter ufficiali, per poi approcciarsi gradualmente anche a piattaforme Windows e Mac. Importante sarà inoltre l'approdo della funzione anche sul già menzionati Vine, che consentirà la stessa durata del playback, rendendo così l'utenza più creativa nell'esprimere un messaggio.

Oltre ai classici feature di ottimizzazione dei video, specialmente dal punto di vista grafico e del design complessivo, l'estensione degli stessi aiuterà a produrre contenuti di maggiore qualità? Si tratta naturalmente di una sfida della quale Twitter potrà fornirci i risultati entro i prossimi mesi di sviluppo della funzione.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili