logo gnubik

Amazon, in arrivo un nuovo cloud specifico per iOS e Android

La ricerca del servizio online cloud gratuito di maggiore capienza ed efficienza continua estendendo la classica web app Amazon ai dispositivi iOS o Android più noti, approdando finalmente al segmento mobile: le nuove indiscrezioni

Approdando sia su App Shop, che su dispositivi iOS ed Android, il cloud firmato Amazon conquista nuovi utenti grazie ad una formula innovativa in grado di permettere ad ogni appassionato di smartphone e tablet di emulare le funzioni basilari della piattaforma di storage messa a disposizione, finora, solo per piattaforme web e relative app desktop sia per Windows che per Mac.

La nuova svolta di Amazon Cloud Drive integra le classiche funzioni di preview e, per il momento, di rudimentale editing di immagini, fotografie, brani musicali e documenti scritti conservati all'interno della propria nuvola personale. L'accesso è quindi garantito ovunque ci si trovi, ed il tutto per migliaia di file, che potranno essere reperiti istantaneamente grazie al proprio smartphone o tablet.

L'applicazione, nonostante quanto sia stato pensato da molti, non sostituirà al momento Amazon Prime Music e l'analoga Amazon Photo, sebbene siano state pensate per motivi simili consentendo lo streaming di materiale audio e visualizzazione di immagini. E' tuttavia probabile che un giorno tali servizi online possano convergere in un'unica piattaforma, come già avvenuto a numerose alternative del file sharing e del cloud drive.

Per quanto riguarda iOS, sarà necessario l'update alla versione 8.1 per poter godere dei feature essenziali della nuova applicazione cloud; tuttavia l'approccio ad Android è fattibile anche da versioni pregresse, malgrado il Material Design e le funzionalità di Lollipop possano permettere un render migliorato e di certo più ispirato a rendere reperibili a colpo d'occhio i file.

I tre client per altrettante piattaforme, la cui notizia ci giunge nientemeno che da Engadget, si preparano così a sfidare Google Drive, nonostante al momento quest'ultimo rimanga imbattuto per via della sua spiccata capacità allo sharing dei link facilitato da nuovi approcci all'invio di file particolarmente pesanti: nonostante questo, la ricerca di Amazon è ancora fervente, di cui attendiamo gli update direttamente nelle prossime versioni di Cloud Drive.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili