logo gnubik

Raffreddore e rimedi omeopatici

19 ottobre 2015

Raffreddore e rimedi omeopatici

Si può curare il raffreddore con i rimedi omeopatici? Sì. Si tratta di una di quelle terapie alternative che in molti casi danno buoni risultati. Purtroppo a causa del tempo instabile, in questi giorni il raffreddore ha avuto la meglio e ovunque si vedono persone in preda ai sintomi dell'influenza. Bisogna correre ai ripari.

 

Ricordo a chi legge che questo articolo è a scopo informativo, per tanto non è da considerarsi una prescrizione medica. Per approfondimenti, dosaggi e prescrizioni occorre rivolgersi ad un medico omeopata.


I sintomi e le cause del raffreddore

Naso che cola, occhi che lacrimano, starnuti, sensazione di stanchezza, mal di testa e sovente eccesso di secrezioni accompagnati da tosse, ecco i sintomi del raffreddore.
La causa risiede nell'attacco di diversi virus che si stabiliscono nel naso ma anche nella gola e nei polmoni, dando luogo ai classici sintomi dell'influenza che non vanno sottovalutati poiché possono evolversi in bronchiti e malattie più serie.

Raffreddore e rimedi omeopatici

Il principio della terapia omeopatica vuole che il simile si curi con il simile e che basti un quantitativo infinitesimale del rimedio per dare effetti positivi, una raccomandazione il rimedio va agitato dopo la preparazione in modo che si attivino le proprietà terapeutiche.

Fra i rimedi omeopatici solitamente prescritti troviamo:

Aconitum napellus 30CH: il rimedio per il classico raffreddore da corrente d'aria, questo raffreddore è improvviso e può esser accompagnato da tosse secca e da rinorrea con secrezioni calde ed acquose, accompagnato da sete di liquidi freddi e sapore amaro in bocca.
Gelsemium: viene prescritto dall'omeopata in caso di sintomi influenzali generali con mal di testa, starnuti e secrezioni liquide.
Allium cepa 30CH: è un rimedio omeopatico per il raffreddore consigliato nei casi in cui il naso gocciola in continuazione accompagnati da lacrimazione degli occhi.
Arsenicum album 30CH: è consigliato per i raffreddori con forti starnuti, con sensazione di naso chiuso, difficoltà di respiro e abbondanti secrezioni acquose, utile anche per i sintomi influenzali.
Kalium bichromicum 30CH: è un rimedio che si utilizza nei casi in cui il raffreddore comporti muco giallo o verde, con infiammazione dei seni paranasali, quindi sinusite o rinite.
Kalium muriaticum 7 CH: viene consigliato in caso di secrezioni vischiose, prurito del naso, frequenti starnuti.
Kalium iodatum: si prescrive in caso di congestione, forte rinorrea con dolori della fronte e del naso.
Kalium sulfuricum: si tratta di un rimedio omeopatico consigliato in caso di forte rinorrea con secrezioni vischiose
Mercurius 30CH: viene consigliato nel caso in cui oltre alle secrezioni gialle e verdastre, il raffreddore si accompagni ad alitosi, lingua bianca ed intensa sudorazione.
Natrum muriaticum 30CH: è un rimedio prescritto in caso di secrezioni bianco/trasparenti  accompagnate da congestione ed herpes labiale.
Sticta polmonaria 7 CH: prescritta nei casi di forti starnuti, mal di gola e occhi gonfi.
Nux vomica 30CH: viene prescritto nei casi in cui il raffreddore si accompagni a difficoltà di respiro dal naso, con secrezioni liquide soprattutto durante il giorno.
Hydrastis: è consigliato in caso di rinorrea abbondante e giallastra.
Sambucus nigra: si prescrive in caso di naso chiuso, difficoltà di respiro e rinite secca.

Se il medico omeopata lo ritiene necessario possono associarsi, rimedi omeopatici per rafforzare il sistema immunitario, come China, Ribes nigrum o Oscillococcinum.

In caso di febbre e acuti sintomi influenzali, oltre al raffreddore, l'omeopata può consigliare:

Belladonna: rimedio omeopatico per la febbre improvvisa, con mal di testa, sensibilità alla luce, agitazione, secchezza della gola ed arrossamento, accompagnata da tonsillite.
Eupatorium perfoliatum: anche in questo caso il paziente presenta febbre alta, dolori muscolari, starnuti, mal di testa, occhi gonfi e lacrimanti, tosse secca, vomito e debilitazione.
Bryonia: in caso di freddura con dolori articolari, gola gonfia, tosse violenta e stizzosa, dolori al petto, costipazione.
Apis: viene consigliato nei casi di bruciore alla gola, febbre alta, dolori intensi nel corpo, mancanza di sete e dunque minore minzione.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili