logo gnubik

Peek, arriva l'app oculista a portata di smartphone

Il suo nome è Peek e si tratta di un avvincente prototipo di un'app per smartphone e tablet in grado di trasformarsi in un oculista portatile sempre a disposizione: i vantaggi e gli usi della nuova tecnologia

Il suo nome è quantomai appropriato, "Peek", inteso come sguardo lanciato di sfuggita per cogliere in un attimo quello che sta succedendo, nel nostro caso fino al fondo delle nostre retine: la nuova app per smartphone, al momento un prototipo, che si ripromette di sostituire i tradizionali approcci medici per mostrare sul display l'accurata condizione dei nostri occhi, dalla struttura vascolare allo sviluppo di nuove ametropie.

Il concept alla base di Peek proviene dalla London School of Hygiene and Tropical Medicine, e si ripromette di offrire accesso a chiunque al monitoraggio della salute dei propri bulbi oculari, ovvero a operazioni di norma performate con ingenti spese e perdite di tempo. L'app è stata concepita grazie ad una notevole fase di crowdfunding avviata sulla sempreverde piattaforma Kickstarter, che spesso vede progetti hardware  e software simili riuscire grazie alla generosità degli altri navigatori del Web.

Le funzionalità di Peek si basano sulla lettura, da parte dell'utente dello smartphone, di una serie di caratteri progressivamente rimpicciolenti, abbinandosi al flash della fotocamera integrata funzionando da videocamera retinica e oftalmoscopio portatile allo stesso tempo. Questo consentirà di avere a disposizione quello che negli USA è già chiamato "eye-phone", capace di prevedere ed evitare anche retinopatie diabetiche e condizioni, possibilmente, ancora più debilitanti quali il tracoma, infezione virale alla congiuntiva causata soprattutto da batteri intracellulari che mietono vittime su base quotidiana specialmente nei paesi del Terzo Mondo.

Peek è infatti stato originariamente destinato a questi ultimi, offrendo la possibilità di conoscere in pochi secondi lo status di retina e bulbo utilizzando il proprio smartphone: non ci sono comunque dubbi sul fatto che, vista la velocità e affidabilità promessa, oltre ad una considerevole praticità, anche i nostri device a breve potranno usufruire di Peek ogni volta che lo desideriamo.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili