logo gnubik

Mirtilli rosso e nero. Per molti si equivalgono ma non è così

22 luglio 2016

Ippocrate sosteneva che il cibo di cui ci alimentiamo dovesse essere la nostra miglior cura. La natura ci ha effettivamente fornito tutto ciò di cui abbiamo bisogno. Non è necessario arrivare a dover ricorrere a comparatori per cercare la forma di finanziamento più veloce per curarsi. Infatti per la maggioranza dei problemi di salute, che spesso diventano cronici, sarebbe sufficiente prevenire a monte. Oggi parliamo di mirtilli, rossi e neri. Per molti ciò che cambia tra i due è solo il colore,  ma non è così, e non stiamo parlando solamente del gusto, che comunque è abbastanza diverso. Il mirtillo nero è quello, tra i due, maggiormente ricco di principi salutari. Contiene, infatti, zuccheri e molti acidi, in particolare l’acido citrico che ha la funzione di proteggere le cellule. Il mirtillo nero è, inoltre,  particolarmente ricco di acido folico, una vitamina estremamente importante per le varie numerose funzioni che svolge, in particolar modo nei confronti del midollo osseo e in gravidanza. Il mirtillo è indicato per la circolazione sanguigna e per la vista. Alcuni acidi in esso contenuti sostengono la retina nelle sue funzioni.

Veniamo al miritillo rosso. Esso è, invece, ricco di di ferro, vitamina C e fibre. Solitamente è impiegato nella preparazione di ottime marmellate. In medicina i mirtilli rossi vengono utilizzati per la prevenzione e la cura di infezioni alle vie urinarie, soprattutto cistiti provocate da Escherichia coli, riducendone la quantità nelle urine. Efficace anche per quanto riguarda le micosi e i virus. Quantità ridotte di mirtilli rossi possono ridurre il livello di calcio nell’urina, alleviando situazioni di aggravamento, per chi soffre di calcoli renali. E’, inoltre, un ottimo coadiuvante in caso di diarrea, stitichezze e nei problemi legati al colon irritabile e alle emorroidi. Infine, i mirtilli rossi hanno anche la capacità di attenuare inestetismi della pelle come la couperose.

I mirtilli rossi hanno proprietà rinfrescanti, astringenti, toniche, e diuretiche e contengono numerosi principi attivi, fra cui le vitamine A e C, l'acido citrico e quello malico, la mirtillina, fosforo, calcio, manganese. Queste vitamine agiscono soprattutto sui problemi legati ai capillari rinforzandone le pareti. Motivo per cui in caso di couperose vengono prescritte spesso, creme a base di mirtilli. E’ possibile creare, anche in casa, una maschera per il viso contro questo inestetismo. Eccovi la ricetta. In un quarto di litro di acqua, bollire un cucchiaio di bacche per 10 minuti. Schiacciarle, aggiungere 2 cucchiai di avena polverizzata e mescolare. Stendere sul viso tenendo per 15minuti. Infine sciacquare con acqua tiepida.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili