logo gnubik

Sicurezza sul lavoro, Roma e Milano le province in cui si sono registrati più incidenti nel 2015

Secondo il rapporto diffuso dalla INAIL  sugli incidenti sul posto di lavoro, aggiornato al 28 Febbraio del 2015,  si evince che le province di Roma e Milano sono quelli in cui si sono registrati più incidenti in questo inizio d'anno.

Provincia Indice di incidenza
sugli occupati
N° casi totali Occupati
(fonte Istat)
Roma 4,8 8 1.679.201
Milano 3,5 5 1.415.422
Perugia 14,8 4 269.385
Bari 10,4 4 384.250
Benevento 40,7 3 73.779

 

Quando si opta per l’apertura di un’attività d’impresa autonoma è fondamentale tenere conto anche della sicurezza sul luogo di lavoro non sottovalutando le precauzioni da prendere in casi di eventuali incendi. Per questo motivo ci siamo fatti aiutare dallo Studio Sama che si occupa di consulenza e corsi antincendio milano, per meglio capire la normatica in questo particolare settore della sicurezza.

Il primo punto da cui partire è la scelta di un membro del personale addetto alla sicurezza antincendio e quindi obbligato a seguire dei corsi specifici, con l’obiettivo di acquisire i principali rudimenti relativi alla gestione di eventuali emergenze sul luogo di lavoro. Questo significa che la durata del corso può variare a seconda della tipologia di attività e in base al luogo in cui essa si svolge. I corsi antincendio per implementare la sicurezza sui luoghi di lavoro sono obbligatori in seguito all’emanazione del D.M. del 10 marzo 1998.

corso antincendio milano | sicurezza sul lavoroLe linee principali del suddetto decreto aiutano l’utente a distinguere prima di tutto il rischio d’incendio. Si parte da un rischio basso e si arriva a un rischio elevato: questo criterio costituisce la prima discriminante di cui tenere conto quando si parla della durata dei corsi di formazione. 

I corsi destinati alla sicurezza su luoghi di lavoro a basso rischio d’incendio durano 4 ore, mentre per quanto riguarda i luoghi di lavoro a rischio d’incendio medio la durata è pari a 8 ore. Il livello massimo, ossia quello dei luoghi di lavoro ad elevato rischio d’incendio, implica la frequenza obbligatoria di un corso di 16 ore.

Il titolare di un’impresa è tenuto a informarsi in maniera approfondita in merito ai corsi antincendio, scegliendo con attenzione la realtà aziendale a cui affidare la formazione del personale interno. La chiarezza è tutto in questo caso: non bastano certificazioni e accrediti, ma è necessario controllare anche il livello dei docenti e la loro esperienza professionale.

I corsi anticendio non si possono infatti improvvisare: l’azienda alla quale si affida la formazione dell’adetto alla sicurezza interno deve specificare quali tipologie di corsi gestisce e fornire tutti i riferimenti relativi ad eventuali servizi di aggiornamento periodico. Altro punto fondamentale da non dimenticare riguarda i sopralluoghi, che devono essere effettuati con attenzione dagli addetti alla formazione antincendio, in modo da capire le caratteristiche principali del luogo.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili