logo gnubik

Funghi: sono difficili da digerire, è meglio non abusarne

All'Expo di Milano ecco che gli esperti cercano di far comprendere alle persone l'importanza di valutare attentamente quali tipi di funghi consumare e di star attenti a non eccedere.

Accade durante l'Expo di Milano. Gli esperti di funghi aiutano le persone a riconoscere quali sono le tipologie velenose (a volte letali) e quelle che invece possono essere consumate senza problemi, facendo però attenzione a non abusarne in quanto possono creare problemi a livello digestivo.

La prima regola per chi va a fare funghi nel bosco, è senza dubbio quella di saperli riconoscere. Ma anche quando si comprano al supermercato dobbiamo saperci regolare e non farne un utilizzo eccessivo. Gli esperti infatti ci tengono a ricordare che, anche se fanno molto bene alla salute per le loro proprietà nutritive, il nostro corpo non li digerisce bene.

E' il Centro Antiveleno dell'ospedale Niguarda di Milano a lanciare l'appello a tantissimi ragazzi e bambini che sono stati presenti all'incontro "Vivaio scuola", organizzato dal ministero della Salute nel Padiglione Italia.

Hanno assistito alla lezione numerose classi di Pesaro, mentre a spiegare il tutto vi erano la dottoressa Rosanna Borghini e la dottoressa Francesca Assisi. La lezione sui funghi è stata fatta come se si trattasse di una fiaba, ma nel frattempo aiutano i ragazzi a riconoscere i funghi commestibili da quelli potenzialmente mortali, lasciando in fine il numero del centro antiveleno.

L'esperta dice che, oltre a far attenzione ai funghi raccolti, è bene che coloro che non hanno una salute buona, evitassero di mangiarli. Molte persone infatti ignorano alcuni degli accorgimenti primari su questo alimento. La dottoressa spiega ad esempio che i classici chiodini, quando non sono ben cotti, risultano tossici. Anche l'errata conservazione può causare problemi.

Franca Davanzo, il Direttore del Centro Antiveleni dell'Ospedale Niguarda di Milano, prosegue dicendo che i funghi non sono adatti ai bambini proprio per la difficoltà che l'organismo ha di digerirli. Si tratta poi di alimenti che, anche quando molto buoni, possono essere contaminati e per tanto portare problemi intestinali.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili