logo gnubik

Carne bovina affetta da AIDS: è una bufala!

1 settembre 2015

AIDS infetta carne bovina: è allarme in Italia. Ma la notizia si rivela solo una bufala!

In questi giorni su Facebook è stata diffusa la notizia che in Italia sono stati sequestrati quintali di carne bovina, infettata da AIDS. L'informazione è stata rapidamente diffusa, ma altrettanto rapidamente smascherata dagli organi competenti che non solo l'hanno smentita, ma ci hanno anche fornito tutti i "perché" del caso.

Il sito da cui l'informazione è partita è lospecchio.altervista, un portale che si occupa di diffondere bufale come questa, cosa che porta poi migliaia di utenti che ogni giorno stanno sui social, a credere a tali informazioni per poi diffonderle ai propri amici e conoscenti, aumentando così il panico senza motivo.

La notizia del portale dice che sono 650 le persone indagate tra veterinari, allevatori etc. Prosegue poi annunciando che 40milioni di euro di carne sono state sequestrate ma moltissima di questa carne affetta è già nei supermercati. Ecco quindi l'appello a non consumare carne bovina.

Annunciano poi che sono già 5 i casi di persone che hanno preso l'AIDS, diffondendo ancor di più il panico quando dicono che la stessa Beatrice Lorenzin del Ministro della Salute, ha dichiarato allarme nel paese.

104mila utenti hanno condiviso l'informazione, creando così una rete capillare di panico. Purtroppo la tendenza a non leggere per intero l'articolo e soprattutto, a non controllare il tipo di sito che ha dato il via all'informazione, può portare a questo genere di fraintendimenti.

E' bene ricordare comunque che l'HIV non può essere trasmesso da animale a uomo, ma solo tra due esseri umani. Tali virus possono colpire anche bovini, gatti e scimmie, ma non è possibile che l'uomo prenda la malattia da loro. Altra cosa da tenere a mente è che l'HIV muore a contatto con l'aria. Questo virus è poco resistente, a tal punto che anche i raggi del sole e alcuni semplici disinfettanti lo annullano quando è fuori dal corpo.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili