logo gnubik

Renzi: “l'Islam non è terrorismo”

12 aprile 2016

Renzi in visita diplomatica in Iran, ha dichiarato che l'Islam non va confuso col terrorismo

Il premier Matteo Renzi in visita per due giorni a Theran, dopo la l'abolizione delle sanzioni, assieme al ministro dell'Istruzione Stefania Giannini, il sottosegretario allo sviluppo Ivan Scalfarotto e una delegazione di imprenditori italiani, ha incontrato il presidente della Repubblica dell'Iran Assad Rohani.

Il presidente del Consiglio Renzi a Theran ha dichiarato che la fine delle sanzioni e’ un passaggio storico per tutta la regione e per tutta l’Europa, aggiungendo che intende immediatamente far ripartire i  rapporti economici con l'Iran, elemento fondamentale anche per creare fiducia nei cittadini e dare il messaggio che qualcosa di nuovo si e’ mosso. Renzi ha poi affermato che Iran e Italia sono due grandi potenze della cultura, due grandi storie che hanno voglia di avere un grande futuro insieme.

In merito alla questione del terrorismo, Renzi ha affermato che l'Islam non è terrorismo, affermando che ci sono persone in Europa e nel mondo che confondono la fede nell'Islam con il terrorismo e la violenza, aggiungendo che il rapporto tra Iran e Italia è importante dal punto di vista economico ma deve servire anche a scrivere una pagina nuova nel dialogo e nel confronto.

Il premier Renzi, recandosi in Iran nuovamente mira a  Sviluppare ulteriormente le relazioni diplomatiche con un paese che per Renzi ha un enorme potenziale. Pare che  il ritiro delle sanzioni nato dall'accordo sul nucleare, apporterebbe un incremento del nostro export nel Paese di quasi 3 miliardi entro il 2018.

Da parte sua, Il presidente iraniano Hassan Rouhani, ha dichiarato che l'Italia è un amico prezioso dell'Iran , ricordando come anche nel periodo delle sanzioni le posizioni italiane siano state le più eque nei confronti del Paese. Rouhani ha aggiunto che sebbene l'Italia non faceva parte dei negoziati del 5+1, la  presenza della Mogherini ha dato il suo contributo, concludendo che dopo la fine delle sanzioni, il suo primo viaggio in Europa è stato alla volta  dell'Italia.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili