logo gnubik

Renzi dopo le elezioni in Spagna loda l'Italicum

21 dicembre 2015

Il premier Renzi nel suo commento dopo le elezioni in Spagna elogia l'italicum

Matteo Renzi dopo l'esito delle elezioni in Spagna, da lui definito un risultato frastagliato, ha dichiarato che nonostante tutti continuino a dire che occorre creare delle coalizioni e fare riforme, come già è accaduto in Grecia e in Portogallo,  i governi che applicano rigide misure di austerity  sono destinati a perdere la maggioranza di governo.

Il premier Renzi non ha rilasciato alcun commento circa il fallimento del partito socialista di Pedro Sanchez,  arrivato secondo con molto distacco dai popolari di Rajoy, ma approfitta di tale esito elettorale per elogiare l'Italicum.

Renzi ha voluto prendere spunto dall'esito elettorale spagnolo incerto, per evidenziare gli aspetti positivi della nuova legge elettorale Italicum, approvata su impulso del nostro governo a maggio 2015 con la quale si ha vincitore chiaro ed una maggioranza capace di governare il Paese. Per Renzi l'esito del voto spagnolo in cui Mariano Rajoy, leader del Partito Popolare e vincitore delle elezioni, dovrà formare un governo stabile privo di maggioranza assoluta,  ricorda quello dell'Italia di ieri, prima dell'Italicum che secondo quanto ha dichiarato il premier  ha portato stabilità, buon senso e certezze.

Il presidente del Consiglio ha dichiarato: “ Adesso sarà interessante capire se l'Europa si renderà conto che una miope politica di rigore e austerità non ci porta da nessuna parte. Questo ho spiegato dettagliatamente all'ultimo consiglio europeo. Questo dirò nei prossimi mesi. Io non faccio una battaglia per l'Europa del sociale, della cultura, dell'innovazione, dell'occupazione, non  solo l'Europa dei numeri, dei parametri, dei vincoli. Così facendo difendo l'interesse dell'Italia e la dignità dell'Europa”.

In merito alla nuova legge elettorale italiana,  la Boschi ha di recente asserito l'importanza dell'Italicum, dichirando come l'incertezza su chi potrà formare un governo, dimostra che la scelta  italiana di varare una legge elettorale a doppio turno sia  la più "giusta e utile", perché secondo il ministro delle Riforme garantisce la governabilità.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili