logo gnubik

Pensioni anticipate col taglio fino al 15%

15 giugno 2016

Pensione anticipata con prestito ventennale

Il governo sta vagliando l’uscita anticipata verso la pensione per coloro che sono nati tutti i nati tra il 1951 ed il 1955, tramite la richiesta di un prestito che dovrà essere restituito nell’arco di 20 anni comprensivo degli interessi.

Per cui chi intende andare in pensione tre anni prima del raggiungimento della pensione di vecchiaia, dovrà richiedere l'anticipo finanziario della pensione netta per gli anni mancanti, attraverso un prestito bancario da restituire in vent'anni.

A seconda dei casi, col nuovo il nuovo meccanismo del prestito previdenziale, chi sceglie l’anticipo perché è rimasto senza lavoro, chi lo sceglie volontariamente e chi lo fa su richiesta dell’azienda,  la detrazione potrà essere più o meno importante. 

Secondo quanto ha dichiarato il sottosegretario alla Presidenza Tommaso Nannicini , il prestito sarà a carico delle banche e delle assicurazioni, in considerazione del fatto che la flessibilità in uscita dal mercato del lavoro costerebbe dieci miliardi di euro l'anno, troppo per le casse dello Stato. Il sottosegretario ha spiegato, che  nel caso in cui il beneficiario muoia prima aver estito il debito, non ci si rivarrà sugli eredi.


Tommaso Nannicini ha affermato che non c’è nessuna penalizzazione sulla pensione anticipata, c’è solo la rata che è una penalizzazione in sé, ma nient’altro. Si tratta di uno schema flessibile, modulato , aggiungendo che non c’è il 4-5% per tutti, quindi la rata non è regressiva, ma progressiva.

Il segretario generale della Cgil Susanna Camusso, in merito alla riforma delle pensioni ha dichiarato che avendo fatto una prima disamina, si può dire che c'è la disponibilità del Governo ad entrare in vari aspetti, di più sui temi previdenziali che sul lavoro. Le osservazioni fatte sono state due, la prima è che occorre un quadro di insieme per la loro piattaforma, la seconda è che c'è bisogno di modificare la legge esistente.


Il leader delle Lega Salvini, in merito all'uscita anticipata dal lavoro, ha dichirato che si tratta dell' l'ennesima presa in giro di Renzi sulle pensioni, che oltretutto metterebbe a rischio i risparmi degli italiani nelle banche, aggiungendo che l'unica riforma possibile è cambiare la legge Fornero ed abbassare l'età pensionistica.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili