logo gnubik

Laura Boldrini: “la ripresa economica passa per il rilancio dell'occupazione femminile”

24 novembre 2015

La Boldrini ha dichiarato la necessita di rilanciare l'occupazione femminile per uscire dalla crisi economica

Alla vigilia della “Giornata internazionale contro la violenza alle donne”, data designata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite per ricordare l'assassinio delle sorelle Mirabal che si ribellarono contro il dittatore Trujillo, e sensibilizzare tutti sul fenomeno della violenza sulle donne che solo in Italia nel 2015 ha riguardato circa 6 milione di donne, la presidente della Camera, Laura Boldrini ha dichiarato che la soluzione per superare la crisi economica nel nostro Paese consiste nel rilancio dell'occupazione femminile.

Una donna che lavora non è solo più indipendente e rispettata ma è anche più libera da possibili violenze domestiche. Secondo i recenti dati statistici si è registrato un incremento dell'occupazione  femminile ma riguarda solo le over 54, per influsso della riforma delle pensioni.

La Boldrini nella recente intervista rilasciata al Corriere della Sera,  facendo riferimento all' articolo 3 della Costituzione italiana, ha dichiarato: "Compito della Repubblica è rimuovere gli ostacoli che limitano dignità, libertà e uguaglianza della donna, impedendole di trovare il suo posto nella società". Secondo dei dati statistici nel nostro paese la percentuale delle donne che lavora è pari al 46,8% , una delle  percentuali più basse in Europa. Infine, in merito al Jobs act  la Boldrini ha dichiarato che tale legge non abbia migliorato la situazione lavorativa delle donne in Italia, dato che una donna su quattro lascia il lavoro quando resta incinta. Occorre dunque aumentare incentivi e sgravi fiscali per chi assume le donne.

In merito ai dati sulla violenza contro le donne, che per la Boldrini è un un problema di tipo culturale, ha dichiarato l'importanza di lavorare per educare ed istruire i bambini alla parità di sessi e ciò va fatto coinvolgendo gli uomini. Infine, in relazione agli insulti sessisti che spesso si verificano in Parlamento ha dichiarato l'impegno che ogni donna deve portare avanti per una corretta percezione femminile nella società, opponendosi ad ogni forma di discriminazione.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili