logo gnubik

La Boldrini ha avviato la Consultazione on line sull'Ue

Laura Boldrini ha deciso di lanciare la Consultazione on line sull'Unione Europea

La presidente della Camera Boldrini ha da poco lanciato la Consultazione pubblica sull'Ue, che partirà il prossimo 12 febbraio ed avrà come oggetto 'Lo stato e le prospettive dell'Unione europea'.

Laura Boldrini, ha deciso di lanciare tale consultazione pubblica online, in quanto ritiene che l'Europa si stia disgregando ed ognuno deve fare la sua parte per evitare ciò.

Il fine di tale Consultazione on line, è quello di sondare l'opinione pubblica per avere nuove proposte sul tema dell'avvicinamento dei cittadini all'istituzione europea. Nel sondaggio on line sull'Ue, composto da sette domande, ai cittadini viene chiesto un parere circa i vantaggi e gli svantaggi dell'essere cittadini degli Stati membri all'Ue, in quali settori ci vorrebbe più incisività, accrescere l'efficacia dell'azione Ue, il rafforzamento della cittadinanza europea, se sia  necessario un cambio di assetto istituzionale, ed infine uno spazio in cui fornire proposte o suggerimenti liberi.

Laura Boldrini in merito a ciò, ha dichiarato che tale momento di crisi può diventare un momento di opportunità, per cui si deve rafforzare l’Europa non indebolirla. La Boldrini ha poi aggiunto che se si perde tempo, invece di opporci alla disgregazione dell’Europa, vinceranno il populismo, il nazionalismo e la xenofobia.


La presidente della Camera dei Deputati, ha dichiarato che per recuperare la fiducia dei cittadini occorre cambiare politica economica, fare in modo che l'Ue diventi un riferimento, suggerendo a tale scopo un reddito minimo di dignità europeo, perché l'Europa diventi il riferimento per tutti coloro che hanno bisogno.

In merito alla nascita di un ministro delle Finanze europeo, la Boldrini ha inoltre dichiarato: “Dobbiamo cambiare, dobbiamo avere un nuovo assetto"in cui ci possa anche essere l'istituzione di un ministro delle Finanze europeo, a patto però che abbia un bilancio da gestire e che sia affiancato da un ministro dell'Economia reale”.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili