logo gnubik

Becchi parla del suo addio ufficiale al M5S

5 gennaio 2016

Paolo Becchi spiega le ragioni per cui ha lasciato il Movimento cinque stelle

Il professore di filosofia di diritto Paolo Becchi, definito l'ideologo del Movimento cinque stelle, in una recente intervista ha dichiarato di aver cancellato la propria iscrizione dal partito di Grillo lo scorso 31 dicembre, dopo aver aderito con grande convinzione e entusiasmo perchè adesso ha dichiarato di non avere più la stessa speranza dell'inizio.

Becchi ha affermato che il M5s si sta trasformando in un partito ibrido, che ha stretto con il Pd un nuovo patt, dopo quello del Nazareno facendo così da stampella al Governo Renzi.

Paolo Becchi in merito al M5s ha dichiarato:“Questo è il partito ibrido che da un lato acchiappa chi ancora crede negli ideali di rottura del vecchio Movimento e dall’altro si avvicina alla logica partitica”. Per quanto riguarda il leader del Movimento 5 stelle, da lui definito un ologramma, il grande sostenitore di Grillo, ha dichiarato di non  essere nella testa di Beppe Grillo, e quindi di non sapere se il suo farsi pian piano da parte sia sintomatico di un po' di delusione anche da parte sua. Becchi ha accusato Beppe Grillo di essere sempre più' politicamente assente, aggiungendo che dopo il discorso di fine anno di Grillo, da lui definito un intervento teatrale, il sogno e' finito.

In merito al tanto discusso ddl Cirinnà, per Becchi con l'accordo tra Renzi e l'M5s, il Movimento 5 stelle finirà cosi' a fare nuovamente da stampella al governo, accusando Grillo di fare solo il gioco di Renzi, sostenendo quindi la nascita di un nuovo patto segreto tra  Pd e M5S. Inoltre Becchi accusa Grillo di aver promesso agli italiani che entro il dicembre 2015 o al massimo nel gennaio 2016, ci sarebbe stato il referendum sull’euro di cui ora nessuno parla più.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili