logo gnubik

Renzi pronto a stralciare le adozioni

22 febbraio 2016

Il premier Renzi per far è pronto a stralciare la stepchild adoptation

Matteo Renzi, durante il suo intervento all’Assemblea nazionale del Pd, per trovare un accordo sull ddl Cirinnà, ha  proposto la rinuncia all’adozione del figlio del partner per le coppie gay.

Secondo quanto ha dichiarato Renzi si prospettano due soluzioni, o sperare nell'appoggio del M5s o tentare un accordo di governo con Ncd tramite un emendamento su cui mettere la fiducia.

Il premier Renzi, ha perso fiducia versi il Movimento cinque stelle, dichiarando in merito: “Hanno giocato sulla pelle delle persone e il vero ispiratore di questa manovra è Di Maio, se teniamo la stepchild rischiamo di fare saltare tutta la legge perché loro faranno altri giochetti. Quegli squallidi politicanti mi hanno già fregato una volta”.

Il governo per evitare altri rinvi del ddl Cirinnà, quindi intende dare la fiducia su un maxiemendamento che escluderà dal testo l’articolo 5 pur di portare a casa la legge sui diritti. Per far approvare la legge sulle unioni civili, il premier Renzi sarebbe disposto a rinunciare alle adozioni e puntare sul voto di fiducia di Ncd.

Il ministro Alfano, in merito alle dichiarazioni del Presidente del Consiglio ha dichiarato che se ci dovesse essere con il premier Renzi un accordo su un emendamento che riscriva il testo di legge sulle Unioni civili con l'eliminazione delle adozioni e dell'equiparazione al matrimonio, allora si potrebbe votare con la fiducia, aggiungendo di poter trovare il consenso di altri  settori del Parlamento come Forza Italia.

Luigi Di Maio, di fronte alle dichiarazioni di Renzi ha reso noto di voler votare la legge in tre aggiungendo che  il M5S non ha fatto alcun dietrofront , perché non c'è mai stato un accordo con il Pd.  Di Maio, ha ribadito di non voler  votare  il canguro, ma di aver lasciato libertà di coscienza sulla stepchild adoptation.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili