logo gnubik

Mercato dell'auto in ripresa

Torna a crescere la produzione e fioccano nuove offerte di lavoro per il settore, soprattutto in Campania, Piemonte ed Emilia Romagna

Il settore industriale della produzione di automobili, uno dei più importanti d’Italia, torna a far ben sperare il mercato del lavoro. Secondo un portale online di recruiting, sarebbero più di 700 le nuove offerte nel settore, concentrate soprattutto tra Emilia, Piemonte e Campania. Un quarto di esse, si rivolgerebbero a laureati in ingegneria meccanica.

Seguono altre categorie ricercate dall’industria dell’auto, che pare voglia avanzare in un processo di svecchiamento dei quadri aziendali: non si ricercano solo ingegneri (informatici, gestionali o come già detto nel comparto meccanico), ma anche laureati in economia, marketing e progettisti. Offerte ad ampio raggio quindi, sulla scia dei buoni risultati del settore, ottenuti fin ora durante l’ultimo anno.

Il mercato dell’auto, che in Italia riveste un ruolo cruciale per la produzione economica (circa il 12% del Pil) registra effettivamente una crescita: più 5,5% previsto per il 2015 rispetto all’anno scorso. Il trend positivo, avvertono gli esperti del settore, è stato avviato dall’assunzione dei 1500 operai nello stabilimento di Melfi (che pure destò alcune lievi polemiche). Già in quell’ambito, l’AD Sergio Marchionne aveva annunciato, in marzo che tale numero di assunzioni, per l’ex Fiat (ora Gruppo FCA), poteva salire a 1900 entro il corso dell’anno.

In quella stessa occasione Marchionne aveva annunciato un boom delle vendite nel corso di quest’anno. Anche qui, apparentemente ed almeno fin ora, l’AD di FCA sembra avere ragione del tempo: infatti il 2015 ha fatto registrare un incremento delle vendite del  30% nel primo trimestre del 2015, rispetto allo stesso periodo del 2014.

Notizie positive arrivano anche per il mese di aprile, secondo i dati rilasciati dal Ministero dei Trasporti: quasi 150 mila immatricolazioni nel mese passato, vale a dire più del 24 % rispetto al mese di aprile del 2014.

Dati che fanno sperare in una ripresa, almeno per quanto riguarda questo settore, di cui però adesso si cercherà delle conferme. Il Centro Studi Promoter ha fatto i suoi calcoli: l’obiettivo ottimale sarebbe l’immatricolazione di un milione e mezzo di veicoli per il 2015.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili