logo gnubik

Fusione Wind e Tre

Accordo raggiunto

Dopo le indiscrezioni degli scorsi mesi, finalmente è ufficiale Wind e Tre hanno raggiunto l'accordo per la fusione al 50% delle 2 compagnie in un unica.

 

L' accordo è stato annunciato da Jean-Yves Charlier, amministratore delegato di Vimpelcom, controllante di Wind, nel corso della conference call con gli analisti sui conti del primo semestre. Maximo Ibarra, attuale ceo di Wind, sarà l’amministratore delegato della nuova società.
L'accordo è stato firmato da Hutchison, società di controllo dell'operatore mobile italiano 3 Italia, e VimpelCom, che controlla Wind. Vincenzo Novari, attuale Ceo di 3 Italia, ad operazione completata, sarà nominato senior adviser di CK Hutchison per l'Italia e sarà inoltre membro del cda della jv per CK Hutchison. Dina Ravera, attuale Coo di 3 Italia, guiderà il processo di integrazione e assumerà un ruolo rilevante nel top management della jv. Stefano Invernizzi, attuale Cfo di 3 Italia, diventerà Cfo della nuova azienda.

Il completamento dell'operazione  soggetto all'approvazione degli organi regolamentari(vedi l'Antitrust) dovrà essere concluso nei prossimi 12 mesi.

Una nota cogiunta dei 2 operatori ricordi che sono oltre 31 milioni di clienti mobili e 2,8 milioni nel fisso (di cui 2,2 milioni broadband), dall'integrazione - ci si attende di realizzare efficienze, sia Capex che Opex, per un valore attuale di oltre 5 miliardi di euro al netto dei costi di integrazione. I ricavi complessivi delle due società nel 2014 ammontavano a 6,4 miliardi di euro. Il deal rappresenta una delle più grandi operazioni di M&A in Italia dal 2007.


Il nuovo operatore vanta la maggiore quota di mercato (dati AgCom di luglio 2015 aggiornati a marzo) nel mobile con il 33,5% contro il 32,3 di Telecom Italia. Vodafone scende al terzo posto con il 27 per cento.

 

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili