logo gnubik

Dombrovskis: “L'Italia deve continuare con le riforme”

29 aprile 2016

Vladis Dombrovskis ha riconosciuti gli sforzi dell'Italia ma deve continuare con le riforme

Vladis Dombrovskis,  vicepresidente della Commissione Ue,  in visita nel nostro paese durante il suo incontro col ministro Padoan, ha dichiarato che lo sforzo che l’Italia sta facendo è grande, ma occorre fare molto sul campo delle riforme strutturali.

Dombrovskis, sottolineando i progressi compiuti sul piano del lavoro e le riforme attuate sul campo dell’istruzione, ha precisato che per quanto riguarda il rispetto delle raccomandazioni l'Italia un po’ sopra la media Ue.

In merito alle prossime valutazioni, il vice presidente ha voluto ricordare che l’Italia ha il secondo debito pubblico più alto, dopo la Grecia, e ciò va preso in considerazione. Per Dombrovskis, considerando che il deficit, che in precedenza era stimano all’1,8% del pil per quest’anno è attualmente al 2,3%,che la ripresa economica rallenta, che i tassi restano al di sotto della media dell’area euro e l'elevato indebitamento,  è indispensabile che l’Italia prosegue nel realizzare le riforme necessarie. Infine, ha aggiunto che sarà valutata anche la questione dei rifugiati, occorrerà valutare l’aumento delle spese per i rifugiati, per capire quanto la spesa sia aumentata rispetto agli anni precedenti.

Al termine dell'incontro con il vicepresidente Dombrovskis, il ministro Pier Carlo Padoan  ha affermato che si è trattata di una conversazione molto fruttuosa e utile in una tradizione di cooperazione continua sia a livello tecnico che politico.

Dal canto suo, il premier Renzi sui social ha annunciato  un provvedimento tra maggio e giugno per promuovere la competitività, cercare di dare una mano anche alle partite Iva. Renzi ha inoltre  assicurato di voler ragionare circa la deducibilità dell'Imu alle imprese, anche se  sulla questione delle tasse alle imprese sono stati fatti dei passi in avanti.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili