logo gnubik

Pensioni a 75 anni e col 25% in meno

2 dicembre 2015

Secondo le previsioni di Boeri in futuro si dovrà' lavorare fino a 75 anni e si percepiranno pensioni più' basse.

Il presidente dell'Inps Tito Boeri, in uno studio su “le pensioni minime di oggi e quelle di domani”  ha dichiarato che i nati nel 1980 potrebbero essere costretti a lavorare fino a 75 anni per riuscire a recepire un l'assegno previdenziale più basso del 25% rispetto a alla generazione precedente. Inoltre in base alle regole attuali del contributivo, coloro che  non raggiungeranno una certa somma prima dell’età pensionabile rischiano di non avere alcun reddito.


Boeri sostiene che se  l’economia italiana non crescerà sopra l’1% l’anno e  non ci sarà un processo di stabilizzazione del lavoro, ci saranno gravi problemi di povertà nel futuro. Per far fronte a tale preoccupante situazione futura, egli propone un un reddito minimo garantito per gli over 55 così da garantire una vecchiaia serena ai 35enni precari di oggi.


Anche l'Ocse, nel rapporto "Pensions at a Glance 2015", ha ribadito la necessità di ulteriori riforme contro la povertà delle nuove generazioni, perché anche se nel 2019  l’età pensionabile raggiungerà i 67 anni per gli uomini e le donne, la sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico richiede maggiori sforzi. L'Ocse rivela che i contributi previdenziali di molti i dipendenti italiani sono i secondi più' elevati dei paesi Ocse con il 33% del salario, mentre la spesa pubblica per pensioni in percentuale del Pil e' pari al 15,7%, il secondo più' elevato livello tra i paesi Ocse che si attestano in media all'8,4%.


Il rapporto Ocse rivela inoltre che i pensionati di oggi hanno tassi di sostituzione netta rispetto al salario medio dell'80% a fronte del 63% medio dei paesi più sviluppati ed assegni superiori ai contributi versati. Alla luce del rapido invecchiamento della popolazione in corso, dell'assenza del posto fisso, dell'alto tasso di disoccupazione tra i giovani e dell 'aumento dei posti di lavoro temporanei, occorre rivedere il sistema pensionistico per tutelare chi non potrà raggiungere i contribuiti necessari per la pensione. 

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili