logo gnubik

Padoan: “l'Italia sta uscendo dalla crisi”

10 novembre 2015

Carlo Padoan su youtube ha dichiarato:“ L'Italia è tornata. Le riforme strutturali e i tagli fiscali iniziano a dare i loro frutti"

Pier Carlo Padoan in un video in inglese pubblicato oggi su youtube dal titolo "Beyond The clouds- Italy is Back ", ossia al di la' delle nuvole, l'Italia è tornata,  ha dichiarato: “ L'Italia è tornata. Le riforme strutturali e i tagli fiscali iniziano a dare i loro frutti".

Il ministro Carlo Padoan ha citato "l'ambiziosa agenda di riforme" del governo Renzi partendo dal lavoro, dalla giustizia, dalla riforma del fisco, della pubblica amministrazione fino all'impegno sul fronte dei conti, del sostegno alle imprese e le proposte innovative.


Nel suo video messaggio in inglese, della durata di poco più di un minuto e mezzo, il ministro dell'Economia Padoan ha  ha voluto evidenziare i risultati positivi delle riforme e delle misure di riduzione della pressione fiscale nel nostro Paese. Il ministro ha aggiunto: “L'Italia sta uscendo dalla crisi, la crisi è stata profonda ma conferma la resistenza dell'economia. L 'Italia è il secondo paese manifatturiero in Europa e il quinto globale.


In merito alla questione dei conti pubblici, Padoan ha poi aggiunto: “Le finanze pubbliche sono sotto controllo, il debito inizierà a scendere dal 2016 grazie ad una maggiore crescita e ad un avanzo primario che ha continuato ad essere positivo per 23 anni, tranne il 2009" e anche questo rafforzerà la crescita e la creazione di posti di lavoro, elementi che si rafforzano reciprocamente.  L'Italia sta uscendo dalla crisi grazie all'ampia strategia di crescita attuata dal governo sta tornando la fiducia nelle famiglie e nelle imprese. E la fiducia  sostiene  la crescita e il lavoro".


Padoan al giornale tedesco "die Welt" ha recentemente dichiarato: "I nostri progressi non sono un fuoco di paglia acceso dalla Bce,ma il risultato del nostro impegno nelle riforme. Stiamo effettuando profonde riforme strutturali. Allo stesso tempo risparmiamo. Il risultato è sui 2 fronti: debito in calo e crescita su”.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili