logo gnubik

Isfol: “Il 27% degli italiani non è in grado di affrontare una spesa imprevista”

15 giugno 2016

Per l'Isfol il 27% degli italiani non è in grado di affrontare una spesa imprevista di 300 euro

Il rapporto di monitoraggio del Mercato del Lavoro 2015 - L'Italia fra Jobs Act ed Europa 2020, pubblicato dall'Isfol e curato da Tiziana Canal, ha reso noto che nel 2014 il 27% degli italiani non è in grado di affrontare una spesa imprevista di 300 euro.


Utilizzando i dati Isfol-Plus, è emerso che il numero degli occupati è sceso al 18%, di cui  il 46% vive in nuclei familiari in cui è presente un reddito o due redditi. Inoltre nella metà dei casi, il gruppo di chi ha maggiore difficoltà economiche ha un titolo di studio basso, uno stato di salute non soddisfacente e vive in zone con pochi servizi.

In base a quanto ha dichirato  l’Isfol o Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori, il 2015 è stato segnato da un aumento dell’occupazione, affiancato  da una timida uscita dalla recessione. Le analisi condotte rivelano, da un lato, evidenti segnali di ripresa e una ricaduta, per molti versi positiva, delle riforme sui livelli occupazionali, mentre dall’altro sottolineano molte delle pesanti eredità trasmesse dalla crisi economica.

Per cui nel rapporto Isfol si legge che sarà necessario confrontarsi da qui ai prossimi anni, se si vuole raggiungere quella crescita intelligente, sostenibile e inclusiva ambita dall’Europa, e se si intende continuare a mantenere in vita il modello sociale europeo che ha consentito di sostenere, per molti anni, i livelli di benessere delle persone.


Secondo i dati pubblicati nelle scorse ore dall'Inps, è stato registrato un calo tendenziale della Cig, ossia la la Cassa integrazione ordinaria utilizzata dalle aziende per crisi temporanee e delle domande di disoccupazione.Invece è stato registrato un aumento della Cigs, la Cassa integrazione straordinaria, utilizzata per crisi più strutturate.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili