logo gnubik

Dati positivi nella lotta all'evasione fiscale

Per Padoan i nuovi strumenti tecnologici consentiranno di contrastare efficacemente l 'evasione fiscale

Il ministro Padoan, ha dichiarato che grazie ai nuovi strumenti a disposizione il gettito del recupero dell’evasione fiscale nel 2015 supererà i 14,2 miliardi di euro del 2014.

Il ministro all'economia ha affermato che i nuovi strumenti intelligenti messi in campo nell'economia fiscale, come lo split payment ed il reverse charge,  nuove modalità di fatturazione e versamento dell’Iva, hanno portato a un maggior gettito di 2 miliardi netti.

Padoan ha ribadito che per gli studi di settore ci sarà una revisione, mediante una semplificazione ed una riduzione nel numero. Nello specifico, i modelli saranno ridotti a circa 170 ed  i cluster saranno  sostituiti con i cosiddetti MOB, modelli organizzativi di business che dovrebbero semplificare la faccenda. Tra le nuove semplificazioni fiscali, vi sarà  un'accelerazione della fatturazione elettronica con la comunicazione al Fisco in via telematica e periodica di tutte le fatture.


Pier Carlo Padoan  ha poi affermato che il governo per contrastare l'evasione ha introdotto  l’analisi del rischio e l’incrocio delle banche dati, aggiungendo che l’Agenzia delle Entrate provvederà a sviluppare processi in grado di ridurre l’onerosità degli adempimenti fiscali.

Il ministro Padoan ha aggiunto che l' impegno del governo in tale campo si è spinto pure oltre i confini nazionali, dato che negli ultimi 2 anni sono stati ratificati 8 accordi bilaterali e sottoscritti nuovi accordi bilaterali , che prevedono uno scambio automatico di informazioni come richiesto dagli standard internazionali in materia di trasparenza fiscale.

Luigi Casero,  viceministro dell’Economia ha reso noto che il governo sta studiando come eliminare alcune micro tasse, come ad esempio la marca da bollo di 73,50 euro per il rilascio del passaporto e la tassa di 16 euro per il diploma di laurea.

Dal canto suo, Danilo Barbi,  segretario confederale della Cgil, in merito alla lotta all'evasione fiscale ha di recente reso note le venticinque proposte contro l'evasione e l'elusione fiscale, sostenendo che il recupero  dei miliardi di euro evasi farebbero rilanciare l'economia italiana. A tale scopo, egli ha proposto che  accanto alla volontà politica si affianchino azioni quali la  tranciabilità, la rapidità e la semplicità delle informazioni sui movimenti di beni, servizi e denaro, grazie al   supporto dello sviluppo tecnologico.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili