logo gnubik

La Natività “digitale” di Caravaggio in mostra a Palermo

Ritorna a rivivere La Natività di Caravaggio in versione digitale

La "Natività con i Santi Lorenzo e Francesco d'Assisi" realizzata da Caravaggio nel 1609, e poi rubata dalla mafia  tra il 17 e il 18 di ottobre del 1969, dopo circa una cinquantina di anni è ritornata a splendere nell’oratorio della Chiesa di San Lorenzo, al centro della città di Palermo. La Natività di Caravaggio, è stata ricostruita mediante delle tecniche di stampa molto innovative da un gruppo composto da architetti e tecnici informatici.

Il progetto voluto da Sky è stato eseguito dalla Sky Arts Production Hub, il nuovo centro d’eccellenza europeo specializzato nella  produzione di programmi sull’arte con sede a Milano, che ha commissionato il progetto a “Factum Arte”, la società specializzata nella realizzazione di perfetti fac-simile delle opere d’arte.

La Natività “digitale” di Caravaggio,  verrà consegnata alla città di Palermo e ricollocata nel suo posto originario, ossia l'altare maggiore della Chiesa dell'Oratorio di San Lorenzo, il prossimo  12 dicembre alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Inoltre a partite da gennaio 2016 in diversi Paesi Europei uscirà il documentario intitolato "Operazione Caravaggio. Mistery of the Lost Caravaggio” per mostrare come si possono utilizzare le nuove tecnologie per il recupero dei beni artistici. Il programma in onda su Sky Arte Hd svelerà tutto il processo di riproduzione del capolavoro caravaggiesco.

Il furto di questa bellissima opera d'arte di Caravaggio,  il cui valore si aggira sui 30 milioni di euro è rimasto avvolto nel mistero. La dichiarazione più recente risale al 2009, quando  il pentito Gaspare Spatuzza aveva dichiarato che l’opera era stata affidata alla famiglia mafiosa dei Pullarà che l'aveva nascosta in una stalla dove era stata rosicchiata dai topi.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili