logo gnubik

Inghilterra: tagliati incentivi al fotovoltaico

L'Inghilterra decide di tagliare incentivi nel settore del fotovoltaico. 20mila persone rischiano il posto di lavoro.

Novità sul fronte del fotovoltaico in Inghilterra. La Gran Bretagna ha deciso di tagliare molti fondi che incentivano il fotovoltaico. Il governo ha dato la sua spiegazione, dicendo che la decisione è stata presa per cercare di ridurre il più possibile il costo delle bollette. L'intenzione quindi sarebbe quella di non aggravare ulteriormente sul consumatore, anche per incentivare la fornitura dell'energia rinnovabile.

L'associazione Friend of the Earth, insieme a tante altre associazioni a favore del fotovoltaico, scendono in campo nella loro marcia di protesta. Non possono che essere sfavorevoli davanti a una decisione che porta inesorabilmente ad una regressione tutt'altro che positiva sul già delicatissimo fronte delle energie pulite.

Le polemiche stanno crescendo non solo dalle associazioni, ma anche dai cittadini. In fin dei conti gli incentivi per il fotovoltaico erano indispensabili in Gran Bretagna.

Le lamentele verso il governo puntano sul fatto questi tagli si stanno dimostrando del tutto controproducenti su diversi fronti. Per prima cosa, associazioni e ambientalisti invitano il governo a riflettere e valutare la decisione presa, perché in questo modo non stanno solo danneggiando l'espansione del fotovoltaico, quindi dell'energia pulita e rinnovabile, ma stanno anche togliendo tantissimi posti di lavoro.

Sembra che questa importante riduzione di incentivi causerà nel brevissimo tempo la perdita di lavoro a 20mila persone, un ulteriore gravo sulla situazione economica Europea già di per se non florida.

La percentuale di incentivi tolta al fotovoltaico è infatti drastica, si parla dell'87% in meno. Non potevamo certo aspettarci che un simile gesto non gravasse sul cittadino, il lavoratore, il padre e la madre di famiglia.

Questo taglio verrà applicato solo alle nuove installazioni, ma si calcola che di qui a 5 anni, saranno già oltre 1 milione di impianti in meno di quelli che sarebbero stati installati grazie all'utilizzo degli incentivi.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili