logo gnubik

In aumento i cani antiesplosivo

4 aprile 2016

Negli ultimi anni i cani, l'impiego dei cani antiesplosivo è raddoppiato

In un clima di allarme terrorismo, l'ausilio dei cani antiesplosivo è divenuto sempre più importante e massiccio per garantire la sicurezza di tutti.

In tutte le città d'Italia ormai si vedono sempre più spesso i cani anti esplosivo,  funzionari a quattro zampe anti bomba, che sono stati adeguatamente addestrati  all'individuazione di armi ed esplosivi

Dopo i recenti gli attacchi a Bruxelles, le unità cinofile anti-esplosivo assieme ai controlli con metal detector fissi e portatili, alle  unità operative antiterrorismo, tiratori scelti, reparti speciali di polizia e carabinieri, sono sempre più impiegati in tutti gli aeroporti e le stazioni del nostro paese.

Secondo quanto ha dichiarato Mario Cardea, dirigente del Centro coordinamento cinofili della Polizia di Stato di Nettuno , attualmente vi sono  90 i cani anti esplosivo a disposizione degli agenti della Polizia impegnati nella sorveglianza e nei servizi di sicurezza nelle città italiane, ma diventeranno 105 alla fine dell’ultimo ciclo di addestramento.

Cardea ha spiegato che bastano quattro mesi di addestramento affinché i cani siano  pronti ad affiancare gli agenti nel loro lavoro di vigilanza e ispezione nei luoghi sensibili, ossia aeroporti, luoghi di culto o d’arte. La razza scelta per addestrate i cani poliziotto sono i labrador,  perché grazie al loro impeccabile fiuto riescono ad intercettare anche le più piccole quantità di esplosivo.

Mario Cardea ha inoltre specificato che i cosiddetti cani anti bomba, sono preparati a riconoscere tutte le gamme di esplosivo conosciute, circa dieci, ed essendo in costante allenamento, rimangono nei canili della polizia al fine di esercitarsi tutti i giorni. Durante tali addestramenti, impostati in forma di gioco,  ai cani vengono fatti annusare diversi quantitativi di esplosivo, abituati a sedersi se una volta individuata la carica e gli si fa memorizzare le sostanze chimiche contenute negli esplosivi più usati dalle bande criminali.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili