logo gnubik

Immigrazione tra sgomberi e prove d'intesa

 

Questa mattina le forze dell'ordine Italiane hanno iniziato gli sgomberi degli immigrati asseragliati sugli scogli di Ventimiglia in attesa di entrare in Francia.

Gli  immigranti erano fermi da domenica sugli scogli dei Balzi Rossi, nella zona di Ponte San Ludovico, a pochi passi dal confine con la Francia.

C' è  tensione con alcuni immigrati contusi o colpiti da malori a causa del caldo e della disidratazione.

Tra le urla e i pianti delle donne, i migranti sono stati fatti salire sui bus della Croce Rossa per trasferirli alla stazione di Ventimiglia. Sugli scogli sono rimasti una ventina di irriducibili. Un altro centinaio si trova sul piazzale antistante il confine e altrettanti alla stazione della città ligure.

Nel pomeriggio alla presenza del ministro dell' Interno Angelino Alfano si è svolta a Lussemburgo  si è tenuta una riunione straordinaria di ministri dell’interno dei paesi membri dell’Unione. Bernard Cazeneuve, ministro degli Interni francese, ha smorzato il clima di tensione tra Francia e Italia. «Non esiste una contrapposizione sulla crisi dei migranti alla frontiera di Ventimiglia», ha sottolineato con decisione, rispondendo alle domande dei giornalisti assieme ad Angelino Alfano e al loro omologo tedesco Thomas De Maizière. E ha aggiunto: «Cerchiamo soluzioni che affrontino un problema complicato. E per trovare una buona soluzione bisogna evitare la confusione e puntare sulla cooperazione. Abbiamo fiducia nella amicizia tra i nostri Paesi e nella nostra abitudine europea alla cooperazione».

Alla fine del vertici il ministro Alfano: «Abbiamo chiesto ed ottenuto che le quote del meccanismo di ricollocamento dei migranti siano vincolanti per tutti e credo sia molto importante che per la prima volta si sia affrontato il tema del superamento del regolamento di Dublino. C’è una consapevolezza diffusa che oggi Dublino non funziona più e questo è essenziale».

 

Il regolamento di Dublino è essenzialmente un regolamento che regola il diritto di richiesta d'asilo politico, il   regolamento impedisce di presentare una domanda di asilo in più di uno stato membro, e prevede che la domanda deve essere fatta nel paese dell' Unione dove si arriva.

 

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili