logo gnubik

Il Papa: “ Non solo cure ma anche affettoterapia”

Papa Francesco durante la visita all'ospedale pediatrico "Federico Gomez" di Città del Messico, ha sottolineato l'importanza dell' affettoterapia

Il Papa durante la sua visita all'ospedale pediatrico "Federico Gomez" di Città del Messico,  una volta giunto nel reparto onco-ematologico, ha dichiarato che sentirsi curati,amati ed accompagnati, sono le medicine più importanti per i piccoli pazienti, una insostituibile cura definita dal Santo Padre col termine di “affettoterapia”.


Josè Alberto Garcia Arranda,il direttore generale dell’ospedale, ha definito la visita papale un messaggio di fede, un messaggio di speranza e di misericordia per tutti quelli che soffrono, come i bambini del Federico Gomez che hanno malattie gravi e soffrono moltissimo.

Il Papa che è stato accolto all'ospedale infantile da Angelica Rivera, la moglie del presidente messicano Enrique Pena Nieto, dal ministro della Salute, dai dirigenti e dal personale della struttura, ha subito voluto ringraziare i presenti, sia l'affetto con cui è stato accolto e sopratutto per l'affetto con cui i piccoli malati sono curati ed accompagnati.

Papa Bergoglio ha poi aggiunto: “ Voglio chiedere a Dio che vi benedica, accompagni voi e i vostri familiari, tutte le persone che lavorano in questa casa e fanno in modo che quei sorrisi continuino a crescere ogni giorno. A tutte le persone che non solo con medicinali, bensì con l' 'affettoterapia' affinché questo tempo sia vissuto con più gioia".

Infine, rivolgendosi ai piccoli degenti Papa Francesco ha chiesto se conoscessero la storia dell’indio Juan Diego, il quale molto preoccupato per lo zio malato, un giorno vide la Vergine di Guadalupe che con parole rassicuranti lo spinse alla preghiera, spingendo i piccoli presenti ad intonare l’Ave Maria, cosa che ha emozionato molto il Papa.

Oggi il Papa, si sposterò in Chiapas, lo Stato più povero del Messico per celebrare la messa con le comunità indigene locali, per affrontare i temi della povertà, dello sfruttamento e dei migranti latino-americani.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili