logo gnubik

Esenzioni per tre anni del bollo alle auto ibride

25 gennaio 2016

In Emilia Romagna, le auto ibride immatricolate nel 2016 avranno diritto all'esenzione per tre anni

In base alla nuova legge regionale del 29 dicembre 2015, tutti i possessori di vetture ibride immatricolate nel 2016 in Emilia Romagna, non dovranno pagare la tassa automobilistica per tre anni.

Tale legge entrata in vigore con nuovo anno, è riservata a tutti i mezzi con alimentazione ibrida benzina-elettrica  o con alimentazione benzina-idrogeno.


L'attuale normativa stabilisce che tutte le ibride sono esenti dal pagamento del bollo per i primi 3 o 5 anni dall'immatricolazione. L’Emilia Romagna ha voluto seguire l'esenzione della tassa sul bollo introdotta già in Campania, Lazio e Veneto, iniziativa che è estesa fino a 5 anni nelle regioni di  Puglia e Basilicata.

Tra i veicoli esenti dal pagamento parziale o totale del bollo auto, vi sono i mezzi adibiti al trasporto dei disabili ed i veicoli con motore alimentato a gpl, metano o elettrici. Chiaramente la riduzione o esenzione della tassa per il possesso dell'automobile, varia da regione a regione, ad esempio, nella Lombardia l'esenzione di tali veicoli è totale, mentre in Toscana l'importo è pari ad un quarto della tassa automobilistica corrisposta per i mezzi a benzina. Inoltre sono esenti dal pagamento del bollo tutti  i possessori di auto immatricolate da oltre 30 anni ed i possessori di autovetture elettriche, per i quali però in alcune regioni la tassa di proprietà è ridotta del 75%.


Le automobili ibride, sempre più diffuse sono quelle che utilizzano un sistema di propulsore ibrido, composto da un motore termico e da un motore elettrico. Il vantaggio di un autoveicolo di tipo ibrido, oltre ai vantaggi ambientali,  è quello di potersi  muovere in città senza consumare benzina e quindi senza emettere sostanze nocive.


Quello delle auto ibride è un settore in crescita come testimoniato dai dati statistici, secondo i quali   che nel 2015 sono state vendute ben 26.000 modelli pari al’1,6% del totale immatricolato facendo registrare un incremento del 21,5 % .

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili