logo gnubik

Emilia: Bloccato gruppo di mafiosi

28 gennaio 2015

Mafia bloccata con un potente bliz

Bloccato in Emilia Romagna un nuovo gruppo appartenente all’Ndrangheta, l’inchiesta soprannominata Aemilia ha portato all’arresto di 160 persone.  I Carabinieri hanno bloccato un gruppo di mafiosi non attivi sono in Emilia ma anche in Piemonte, Calabria e Sicilia, dopo le conferma la magistratura ha confermato gli arresti e 46 provvedimenti cauzionali.

Nel gruppo sono stati riconosciuti diversi militari dell’arma e tra gli arrestati anche il padre di Vincenzo Iaquinta. La firma per bloccare questo giro di truffe è giunta da Alberto Ziroldi, nella zona la Cosca di Grande Aracri è conosciuta per i suoi affari poco legali, accusati diversi imprenditori calabresi già popolari ai Carabinieri.

Per riuscire a fermare i fuggitivi, sono stati utilizzati anche degli elicotteri e un maestoso schieramento di carabinieri. Le accuse sono di vario tipo:

- Associazione Mafiosa
- Estorsione
- Usura
- Porto e detenzione di armi illegali
- Intestazione fittizia di beni
- Capitali illeciti
- Associazione mafiosa.

La notizia che sorprende maggiormente è l’arresto del consigliere comunale di Reggio Calabria, nessuno si aspettava un suo collegamento con il gruppo mafioso e dopo esser stato prelavato dalla sua casa di Arceto, ora aspetta la sentenza per restare in prigione.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili