logo gnubik

Continua il braccio di ferro tra la Santa Sede e la Francia per la nomina dell'ambasciatore gay

Continua il braccio di ferro tra Papa Franceso e il presidente francese Hollande per la scelta dell'ambasciatore francese. Dopo l'incontro tra Laurent Stéfanini e Papa Franceso,l'ambasciatore gay ha ancora il sostegno della Francia

Laurent Stefanini ambasciatore gayContinua il lungo braccio di ferro tra la Francia e la Santa Sede sulla scelta dell’ambasciatore che rappresenti il paese oltre alpi al Vaticano. Il presidente francese Hollande  ha designato come  proprio ambasciatore Laurent Stefanini ma il Vaticano rifiuta il gradimento all’ambasciatore francese perché gay.

 

Laurent Stéfanini, 55 anni, cattolico praticante, è stato indicato come ambasciatore per la Francia al Vaticano dal Consiglio dei Ministri il 5 di Aprile. Stéfanini è stato capo del protocollo dell’Eliseo con Nicolas Sarkozy e riconfermato dall’attuale presidente François Hollande, ha già una esperienza presso la Santa Sede dove è stato il numero due dell’ambasciata dal 2001 al 2005 e successivamente ha ricoperto il ruolo di di  consigliere per gli affari religiosi del Quai d’Orsay. 

Per Hollande, Stéfanini sembrava l’uomo giusto al posto giusto,  ma nonè dello stesso parere il Vaticano che non ha dato il suo benestare alla nomina. Nel concistori di febbraio l’arcivescovo di Parigi, André Vingt-Trois, ha consegnato nelle mani di Papa Francesco una lettera nella quale rimarcava le qualità di Stéfanini, ma dal Vaticano non è arrivata nessuna risposta e l’ambasciatore uscente, Bruno Joubert, ha lasciato villa Bonaparte per fare ritorno a Parigi, alla Corte dei Conti, lasciano vuoto il posto di ambasciatore. Con l’ambasciata priva del suo titolare, i media francesi sostengono che il solo ostacolo per la nomina di ambasciatore sia l’omosessualità, non nascosta né esibita, di Stéfanini.

La Segreteria di Stato del Vaticano non ha espresso nessun parere e formalmente non è stato esposto nessun rifiuto esplicito, ma proprio il silenzio in questo caso è molto eloquente, dato che l’assenso per ul nuovo ambasciatore, di norma,  è una pratica formale che si svolge senza particolari intoppi.

L’incontro con il Papa

Sabato scorso, Laurent Stefanini è stato ricevuto direttamente da Papa Franceso che gli ha confermato "il suo rifiuto di accordargli il gradimento" e secondo il settimanale satirico francese Le Canard Enchainé, il Pontefice avrebbe detto all’ambasciatore francese di "non avere nulla contro di lui, mentre non ha apprezzato il Mariage Pour Tous (la legge francese sulle nozze gay) ".
L’emittente francese BFM-TV afferma che l’ambasciatore Stefanini, dopo l'incontro con il Papa, ha ancora il sostegno del presidente Hollande e una fonte dell’Eliseo ha smentito alcune indiscrezioni secondo cui si starebbe cercando un sostituto dell’ambasciatore gay.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili