logo gnubik

7 milioni di italiani si indebitano per curarsi

7 dicembre 2015

Per il Censis oltre 7 milioni di italiani si indebitano per curarsi

Dal quarantanovesimo Rapporto Censis sull'attuale situazione sociale del Paese, è emerso che sono ben  7,7 milioni gli italiani che in un anno si sono indebitati  per pagare le cure mediche.

Dal  2007 al 2010 la spesa pubblica è aumentata passando da 101,9 miliardi di euro a 112,8 miliardi,  invece negli ultimi anni si è verificata una riduzione passando a 110,3 miliardi. Da tali dati statistici emerge che si tratta di ben due miliardi e mezzo in meno che sono ricaduti sul bilancio delle famiglie italiane.


Per quanto riguarda la spesa sanitaria privata degli italiani, il Censis rivela che dal 2007 al 2014 è passata da 29,6 a 32,7 miliardi, raggiungendo il 22,8% della spesa sanitaria totale. Una causa dell'incremento della spesa sanitaria privata è rappresentata dal 41,7% della famiglie del nostro Paese che rinuncia alle prestazioni sanitarie. Inoltre va detto che pure i ridotti tempi di attesa del servizio privato rispetto a quello pubblico contribuiscono sulle scelte dei cittadini.


Inoltre circa il  66,7%. delle famiglie italiane a basso reddito hanno dovuto rinunciare o rimandare le prestazioni sanitarie. Anche l’andamento del Fondo nazionale per le politiche sociali testimonia il progressivo ridimensionamento dell’impegno pubblico, dato che è passato da 1.565 milioni di euro nel 2007 a  400 milioni nel 2015, facedno registrare un -74,4% nell’intero periodo, un andamento che si riscontra anche nel Fondo per la non autosufficienza.


Dai dati Censis, il 42,7% dei cittadini italiani ritengono che la sanità stia peggiorando, una percentuale che nel Sud Italia arriva a toccare il  64%, a ciò va aggiunto che il 55,5% degli intervistati considera il Servizio sanitario regionale inadeguato. Per quanto riguarda la sanità digitale, servizio ancora poco utilizzato, è emerso che solo il il 16,7% degli utenti web ha effettuato una prenotazione online per una visita medica ed il 10,6% per accertamenti diagnostici.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili