logo gnubik

Una mensa scolastica su quattro è fuorilegge

21 giugno 2016

Una mensa scolastica su quattro è irregolare

In base ai controlli effettuati controlli dei carabinieri del Nas, una mensa scolastica su 4 ha problemi qualità del cibo, soprattutto nelle regioni del Centro e Sud Italia.

A tal proposito il Generale Claudio Vincelli, comandante dei carabinieri del Nas ha affermato che nelle aree dove sono state riscontrate maggiori irregolarità, sarà posta attenzione maggiore ed ulteriori forze per sviluppare controlli più qualificati, sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo.


Nell'anno scolastico 2015-16, sono state effettuate ben  2.678  ispezioni da parte del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità dell'Arma dei Carabinieri, e in 670 casi sono state trovate situazioni non conformi. Le mense scolastiche chiuse sono state 37 , 101 le persone segnalate all'autorità giudiziaria e 487 all'autorità amministrativa, inoltre sono stati posti sotto sequestro ben  4.264 kg di alimenti in cattivo stato di conservazione, alterati o con problemi di tracciabilità ed etichettatura.

Una recente un'indagine Coldiretti/Ixè, ha rilevato che un italiano su 5 ha una valutazione negativa dei pasti serviti nelle mense scolastiche di figli. Per Coldiretti, per l'83% del campione le mense dovrebbero offrire cibi più sani, mentre per il 13% si dovrebbero servire i piatti che piacciono di più ai piccoli, inoltre  il 52% degli italiani considera il costo delle mense scolastiche adeguato mentre per il 25% è eccessivo.

Salvatore Loffreda, il direttore di Coldiretti Avellino, ha recentemente dichiarato che la salute dei bambini non ha prezzo, ma purtroppo vi è una scarsa diffusione di prodotti di qualità: si tratta di educare le istituzioni che presiedono alla scelta dei menù, passo necessario per riuscire a trasmettere una sana cultura dell’alimentazione ai più piccoli che rischiano di soffrire sempre di più di obesità infantile.


In merito ai controlli sulle mense scolastiche, il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, ha dichiarato che non si tratta di dati allarmanti, confermando la sua intenzione di continuare con la task force, effettuando dei controlli a sorpresa, perché la salute dei bambini passa anche per una corretta alimentazione.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili