logo gnubik

Individuati i geni della felicità

27 aprile 2016

Alcuni studiosi olandesi hanno scoperto i geni della felicità

Un recente studio condotto dai ricercatori dell’Università di Vrije ad Amsterdam e pubblicato sulla rivista Nature Genetics, ha dimostrato che esistono i geni della felicità.

Nello specifico gli studiosi olandesi studiando il Dna di ben 300mila persone,  hanno rilevato che esistono tre varianti genetiche, geni legati alla felicità, depressione e nevrosi.

Tali geni della felicità entrano in funzione nelle cellule del sistema nervoso, nel pancreas e nelle ghiandole surrenali, quindi hanno una causa genetica. I ricercatori olandesi hanno dichiarato che questo studio e’ allo stesso tempo un traguardo e un inizio, che conferma l'esistenza di un aspetto genetico coinvolto in quello stato emotivo noto come felicita’. Per i ricercatori le tre varianti genetiche individuate sono solo una piccola frazione del Dna coinvolto, perché molto probabilmente ci siano molti altri geni che hanno un ruolo nella sensazione di benessere delle persone.

Il genetista Giuseppe Novelli, in merito alla recente scoperta ha dichiarato che i criteri della felicità variano da persona a persona e da popolazione a popolazione, si tratta di geni dal ruolo  complesso, legato al modo in cui le persone affrontano ogni situazione della vita. 


Novelli, ha aggiunto che tali geni ci rendono più empatici e meno ansiosi ma è chiaro che l’ambiente, per esempio l’aspetto sociale ed economico, giocano un ruolo importante. Per lui inoltre vi sono sicuramente altri geni coinvolti in questo aspetto, in quanto tutti i caratteri dell’uomo sono dovuti all’azione di più geni che interagiscono tra loro.

Meike Bartels, che ha coordinato la ricerca, ha affermato che  tale studio che dimostra l'esistenza di aspetto genetico che concorre alla felicità, di tre varianti che concorrono in piccola parte a determinare le differenti sfumature di felicità che distinguono una persona dall’altra. Per Bartels localizzare le altre varianti genetiche consentirà di comprendere meglio il rapporto che c’è tra quello che ci ha dato la natura e ciò che apprendiamo con l’educazione, dal momento che l’ambiente esterno ha un ruolo importante nei diversi modi in cui le persone vivono le esperienze positive.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili