logo gnubik

Allarme topi al Colosseo, Foro Romano e Palatino

A Roma è scattata l' emergenza ratti, che proliferano nel centro della città

Dopo la notizia del sangue di un roditore che colava nella biglietteria della piazza del Colosseo, è scattato l'allarme ratti a Roma. Secondo stime recenti a Roma ci sono circa  sei milioni di topi, ossia circa due topi per abitante.

A seguito della chiusura di due biglietterie nell'area archeologica di Roma per disinfestazione, il soprintendente Francesco Prosperetti ha dichiarato che  il sangue del topo morto che colava sulla scrivania delle biglietterie è un caso isolato, in quanto non c'è alcuna invasione o emergenza di topi né al Colosseo, né al Foro Romano, che sono rimasti regolarmente aperti, aggiungendo che il problema dei topi a Roma è ben noto. Per Prosperetti quello dei topi al Foro romano è un problema che non si riesce a fronteggiare, aggiungendo che l’area nella quale è posizionata la nuova biglietteria per molto tempo è stata priva di frequentazione umana.

In merito all'emergenza topi nella Capitale, il presidente del Codacons Carlo Rienzi  ha affermato che si si tratta di  una vergogna, dato che negli ultimi mesi si stanno moltiplicando le segnalazioni e le denunce relative alla presenza di topi in città, nel centro storico come nelle periferie, aggiungendo che si tratta di una vera e propria emergenza.

Per fronteggiare l'emergenza ratti, il commissario straordinario per Roma Capitale Francesco Paolo Tronca ha recentemente indetto una riunione con rappresentanti di Campidoglio, Ama, Ministeri della Salute e dell’Ambiente. Pare che da aprile e dicembre 2015, nella capitale ci sono state ben 1.700 interventi di derattizzazione, ma ciò non è stato sufficiente. Per cui il comune intende potenziare il servizio di derattizzazione mirato a obiettivi precisi come gli argini e banchine del Tevere, le scuole, le mense, gli ospedali e altri siti sociali.

Nella lotta contro i ratti, deve fare la sua parte anche la polizia locale di Roma Capitale, impedendo alle auto di parcheggiare in doppia fila che ostacolano il regolare svuotamento dei cassonetti. A tal riguardo, l'azienda romana ha reso noto che vi sono circa 3mila su 70mila sono cassonetti sui quali  non si riesce ad intervenire.

© gnubik.it

Condividi questo articolo

Aerticoli simili